festival del cinema

Festival del Cinema di Venezia -Conservatorio Venezze

Conservatorio “Francesco Venezze”, 1 settembre, 78° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Il sole, come un gigantesco riflettore, illumina l’incantevole scenario dell’Hotel Excelsior in occasione del giorno d’inaugurazione della 78ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

Dall’alto, possiamo ammirare un continuo andirivieni di persone che animano le vie intorno all’elegante palazzo.

Nella moltitudine, tra attori e spettatori, riconosciamo qualcuno dei protagonisti del Conservatorio Francesco Venezze di Rovigo.

Li seguiamo mentre si accomodano nella sala riservata alla Veneto Film Commission su invito del Presidente Jacopo Chessa.

Sullo sfondo, in uno schermo, si legge: “Quel posto nel tempo”, l’industria cinematografica incontra l’alta formazione artistica.

Festival del Cinema di Venezia -Conservatorio Venezze

festival del cinema
Festival del Cinema di Venezia Conservatorio Venezze evento 1 settembre presso la 78° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Il moderatore Emanuele Rauco cede la parola all’Assessore alla formazione della Regione Veneto Elena Donazzan che esordisce evidenziando come il mondo della cultura, e dello spettacolo in particolare, sia stato trascurato in questi ultimi anni.

A differenza degli altri ambiti professionali, nei quali il collegamento con il mondo del lavoro è ben organizzato e strutturato, per quanto riguarda la cultura artistica, le opportunità professionali sono più legate al talento individuale e alle opportunità occasionali.

Per questo motivo si rendono necessari interventi importanti nel settore visto il delinearsi di grandi opportunità legate a nuove forme di comunicazione.

Pertanto, nell’arco dei prossimi sei anni, grazie ai finanziamenti europei, si ritiene di fondamentale importanza rendere più stabile e continuativo il mondo della formazione con quello dell’occupazione.

Festival del Cinema di Venezia -Conservatorio Venezze

festival del cinema
Festival del Cinema di Venezia Conservatorio Venezze evento 1 settembre presso la 78° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Il Presidente del Conservatorio Fiorenzo Scaranello sottolinea una visione della musica non solo come intrattenimento e spettacolo, ma come fenomeno culturale che dialoga con il proprio tempo. In particolare, la scelta, tra le altre, di orientare alcune attività del Conservatorio sul tema “Musica e Neuroscienze” ha favorito l’impegno nel film “Quel posto nel tempo” con Leo Gullotta, che interpreta un Direttore di Orchestra malato di Alzheimer.

Tale esperienza ha realizzato importanti dimensioni formative e professionali che hanno fatto emergere, inoltre, la necessità di avere nuovi profili professionali all’interno dei Conservatori.

«Sono veramente soddisfatto di questo primo passo verso un modello di scuola in cui alta formazione e nuove professionalità non solo si incontrano, ma si fondono fino a con-fondersi.

Dare vita all’interdisciplinarità tra i diversi dipartimenti musicali del Conservatorio, alla multidisciplinarietà tra l’arte cinematografica, il teatro, la musica e la tecnologia audio d’avanguardia e alla sinergia creativa di artisti provenienti da diverse aree geografiche – afferma il Direttore del “Venezze” Vincenzo Soravia – corona l’ideale di una eco alfabetizzazione intesa come scienza delle relazioni capace di conservare, trasmettere e attualizzare la cultura artistica della nostra tradizione».

Festival del Cinema di Venezia -Conservatorio Venezze

Il coordinatore del Dipartimento di Musica applicata, Marco Biscarini, con la collaborazione di Luca Leprotti, in occasione della presentazione della produzione del film “Quel posto nel tempo” del regista Giuseppe Alessio Nuzzo e sceneggiatura di Eitan Pitigliani, sottolinea che questo incontro tra cinema e formazione musicale nasce dal progetto “Delta Sound”, un archivio sonoro del Delta del Po che il Conservatorio da un anno sta realizzando.

Grazie ai finanziamenti ministeriali, ci siamo dotati di una regia di altissimo livello dedicata alla post produzione con la quale gli studenti hanno realizzato un video back stage di tutto il progetto e hanno impostato il lavoro di post audio e pulizia e messa a sync dei dialoghi del film.

Inoltre, con gli studenti frequentanti il primo Master di secondo livello in film music presente in Italia, sono state composte le musiche per la colonna sonora, eseguite dall’orchestra del Conservatorio diretta dal docente Stefano Celeghin e dagli ospiti internazionali Yati Durant e André Bellmont e registrate dagli studenti del Dipartimento di musica elettronica di Rovigo.

Altra novità, nel prestigioso contesto del Festival cinematografico, immerso nella magica atmosfera del Lido di Venezia, è stata l’esecuzione dal vivo di uno dei main theme del film, interpretato da un quartetto d’archi formato dagli studenti.

festival del cinema

Infine, interviene la docente e regista Anna Cuocolo, autrice delle scene d’opera incluse nel film, tratte dall’Orfeo ed Euridice di Gluck, e realizzate con la collaborazione di Marina De Liso e le studentesse del Dipartimento di Canto lirico. In chiusura, prende la parola il senatore Federico Mollicone che si congratula per l’operazione svolta e per l’innovativa iniziativa intrapresa e realizzata che costituisce sicuramente un modello formativo e professionalizzante del futuro.

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon