20160929_225559

I ragazzi della Casa del Teatro e del Cinema hanno presentato al Teatro Porta Portese lo spettacolo Tutti insieme inevitabilmente.

Nato come esibizione di fine corso degli allievi del primo anno, in realtà Tutti Insieme Inevitabilmente unisce tre spettacoli eseguiti dai ragazzi della scuola a maggio 2016 e li raccoglie in un’unica rappresentazione per il pubblico: uno con la regia di Claudio Insegno e Rossana Casale come vocal coach (con pezzi di Walter Chiari, Cochi e Renato, Enzo Jannacci), uno con la regia di Marco Simeoli, le coreografie di Andreea Alina Persone e Silvia Gavarotti come vocal coach (la Vedova allegra in 10 minuti), uno con la regia di Sabrina Pellegrino  e Andrea e Simone (pezzi scritti dai ragazzi stessi durante l’anno).

Lo spettacolo si presenta come un percorso itinerante che parte dall’esterno del teatro e prosegue all’interno delle varie sale dello stesso. Durante questo itinerario, attori e attrici accolgono gli spettatori e li accompagnano nei vari ambienti dove altri li aspettano per esibirsi nel proprio pezzo.

In questa formula confluiscono intrattenimento e interpretazione, in un rapporto diretto col pubblico. Una formula già altrove collaudata, ma non per questo facile né di sicuro successo. In questo caso, però, bisogna ammettere che gli allievi della C.T.C. sono stati bravi ad abbattere la quarta parete mantenendo un costante equilibrio tra realtà e finzione, spontaneità ed interpretazione.

Tra i vari ambienti del teatro, i ragazzi si sono esibiti recitando, cantando e ballando, in monologhi, pezzi a due e momenti corali.

Non solo: alcuni pezzi presentati sono stati scritti o adattati direttamente dagli attori, coinvolti, così, anche in un processo creativo e di arrangiamento.

Sono pezzi originali scritti dagli allievi l’introduzione, divertente e pungente, con cui  Lorenza Giacometti e Gisella Coluzzi, per l’appunto qui anche autrici, accolgono il pubblico fuori dal teatro; il pezzo nonsense, che mi è piaciuto molto, ben scritto e calibrato nella sua doppia struttura fatta di correttezza formale e caos semantico, di Stefano Dattrino; le caratterizzazioni originali e divertenti di Claudio Di Paola, Nicola Curti, e Federico Nelli.

Tra i pezzi d’autore, due bellissimi momenti corali: Ho visto un re, composta da Dario Fo e incisa da Enzo Jannacci (con un coro composto, tra gli altri, da Cochi e Renato e Giorgio Gaber), cantata qui da Stefano Di Lauro dotato di buona presenza scenica, nonostante fosse infortunato e bella voce  e l’adattamento della Vedova Allegra in dieci minuti di Eduardo De Filippo, in cui i ragazzi, oltre ad “esibire” le singole doti, danno dimostrazione di saper lavorare in gruppo con sinergia e rispettando dei buoni tempi teatrali.

Un intenso momento di prosa si è vissuto con un monologo sulle donne di Franca Valeri portato in scena dalla brava Lorenza Giacometti, qui particolarmente presa e presente.

I ragazzi si sono cimentati anche con l’interpretazione in dialetti diversi, dimostrando una buona versatilità. Belle le vocalità scese in campo per questo spettacolo che si sono affiancate e avvicendate con piacevole sintonia.

A seguire la lista completa di attori e attrici che si sono esibiti con successo sul palco: Gisella Coluzzi, Nicola Curti, Stefano Dattrino, Chiara David, Stefano Di Lauro, Claudio Di Paola, Lorenza Giacometti, Lorenzo Li Vigni , Matteo Magazzù, Lele Nardozi, Federico Nelli, Beniamino Presutti.

Tutti Insieme Inevitabilmente è uno spettacolo ben confezionato, leggero, divertente e spensierato, ma non per questo banale o superficiale, nel quale gli allievi del C.T.C. hanno convogliato un anno di intenso studio, rielaborando e adattando a se stessi nozioni e tecniche, trovando ognuno il proprio modo di esserci.

Lo spettacolo è stato diretto da Claudio Insegno e Marco Simeoli, che ha anche curato l’allestimento di queste due date romane. Vocal coach sono state Rossana Casale e Silvia Gavarotti. Le frizzanti coreografie sono state curate da Alina Person. Le musiche sono state eseguite dal vivo dal Maestro Jacopo Fiastri. I costumi, belli soprattutto quelli de La Vedova Allegra, sono di Susi Sergiacomo.

20160929_225603 20160929_225555 utti insieme inevitabilmente utti insieme inevitabilmente utti insieme inevitabilmente tutti insieme inevitabilmente utti insieme inevitabilmente utti insieme inevitabilmente utti insieme inevitabilmente utti insieme inevitabilmente utti insieme inevitabilmente

C.T.C.

Casa del Teatro e del Cinema

La C.T.C. nasce da un’idea di Simone Gallo e Claudio Insegno con l’intento di formare nuovi professionisti dello spettacolo sotto ogni punto di vista:

Recitazione Canto

Danza

Doppiaggio

Creatività

La direzione artistica è affidata a un regista, attore, doppiatore e autore di rilievo nel mondo teatrale e cinematografico italiano: Claudio Insegno

Oltre a Claudio Insegno, gli alunni si avvarranno degli insegnamenti dei seguenti professionisti del settore artistico:

Recitazione: Marco Simeoli – Carlo Ragone – Sabrina Pellegrino – Michela Andreozzi

Direzione della fotografia: Ugo Menegatti

Canto: Silvia Gavarotti – Marco Stabile – Giada Nobile

Danza: Andreea Alina Person – Marco Rea (tip tap)

Laboratorio creativo: Simone Gallo e Andrea D’Andreagiovanni (in arte Andrea e Simone)

Dizione: Rosario Altavilla – Giulio Pangi

Corpo e voce nello spazio e movimento e danza per attori: Umberto Bianchi

Doppiaggio: Roberta De Roberto

Storia della musica: Jacopo Fiastri

Storia del teatro: Nicola Fano – Susi Sergiacomo

Gli alunni lavoreranno su testi teatrali e cinematografici, per poter affrontare l’esperienza del palco e quella del set.

Infatti C.T.C. si pone come obiettivo quello di formare attori, che una volta finita la scuola, siano in grado di affrontare qualsiasi prova, dal musical alla serie tv, dalla commedia teatrale al film più impegnato.

Regia

Claudio Insegno sarà docente di regia. Grazie alla sue innumerevoli regie per spettacoli e colleghi del mondo del teatro, potrà trasferire agli alunni tutto il suo sapere insegnandogli come si dirige una scena, come si dirigono gli attori, quali sono i tempi comici e drammatici messi a servizio di una regia.

Da anni insegna ai più giovani, formando attori di tutto rispetto che calcano palchi importanti e lavorano con le produzioni, alcuni dei quali prendono parte ai suoi spettacoli e ai suoi film.

La sua sarà una lezione a 360 gradi.

Recitazione

La recitazione sarà curata da Marco Simeoli, Francesca Nunzi e Sabrina Pellegrino. Tre attori di esperienza, nonché registi, colleghi che hanno condiviso più volte lo stesso palco e quindi molti momenti della loro carriera. Ognuno porterà nella scuola qualcosa di se che gli appartiene.

La recitazione cinematografica sarà invece seguita dalla nota attrice Michela Andreozzi

Canto

Nel teatro ha preso piede e si è stabilito ormai da anni, riempiendo i teatri di tutta Italia, il MUSICAL!

Molti sono i cantanti/attori che lavorano nelle diverse produzioni italiane (e molti anche all’estero)

Noi abbiamo una delle più grandi performer di musica leggera e di musical in Italia: Rossana Casale, che con la sua bravura, professionalità ma anche con la sua simpatia preparerà gli artisti affinchè possano inseguire il loro sogno di poter recitare e cantare in un musical. Oltre a lei anche Silvia Gavarotti, altra grande interprete che si distingue anche per le sue capacità di formazione, molto richiesta e ricercata nel campo. Il canto è anche molto importante per imparare a respirare in scena, a usare il diaframma nel modo giusto. Molte caratteristiche del canto sono simili e riconducibili alla recitazione

Danza

Il musical e la tv hanno bisogno di attori che sappiano cantare è vero, ma anche ballare, o comunque sappiano muoversi a tempo di musica.

La danza è sì una disciplina a se stante, ma anche un aiuto in più se aggiunto al proprio sapere. Un attore può avvalersi della danza in scena, impiegata in un’altra forma, infatti molti ruoli richiedono anche un certo tipo di camminata, un andatura che si può mettere in pratica solo conoscendo un minimo la danza. La docente Andreea Alina Person, attrice – ballerina.

Storia della musica

La musica non va solo suonata o cantata, va anche conosciuta. Jacopo Fiastri questo lo sa e toccherà a lui l’arduo compito di teorizzarla per insegnare ai giovani dove stiamo andando, verso quali stili, ma anche da dove veniamo. Il passato ci riserva sempre novità. E oltre che toglierci qualche curiosità, la storia è utile anche per un bagaglio di esperienza personale.

Dizione

Importantissimi sono i dialetti che caratterizzano le varie provenienze di ognuno di noi, ma altrettanto importante è la dizione. Il dialetto è patrimonio di ognuno di noi e non va dimenticato, ma molte fiction italiane richiedono la dizione “perfetta”. Pure per recitare in uno spot bisogna non essere affetti da localismi verbali (salvo alcuni casi).

Rosario Altavilla, attore, sarà il docente di dizione, per ripulire le inflessioni dialettali e la fonetica dei nuovi artisti.

Lab creativo

La “materia” in più che è presente in questa scuola è il Laboratorio Creativo tenuto dal duo di attori e comici Andrea e Simone coadiuvati da Federico Perrotta.

L’idea nasce dopo aver preso parte a laboratori come quello di Zelig e Colorado (laboratori dei due programmi comici di punta di mediaset). Durante i laboratori i comici lavorano su un testo o su uno sketch per affinarlo, renderlo il più televisivo possibile ma anche il più divertente possibile.

Noi abbiamo pensato che un laboratorio può essere sia comico che non, allora perché non introdurlo all’interno di una scuola per attori? E così abbiamo fatto

Con questo laboratorio (che lo è a tutti gli effetti) si vuole creare uno spazio dove i ragazzi potranno inventare, creando da zero, quello che può essere uno sketch comico, una scena drammatica, un monologo, una serie di gag… da poter poi usare in un loro futuro show piuttosto che ad un provino.

Il laboratorio serve a stimolare la loro creatività anche per far lavorare insieme ragazzi che fino a quel momento neanche si conoscevano.

Doppiaggio

Un attore può prediligere pure la carriera del doppiatore, categoria tra le più ambite e difficili in italia, per l’ottima qualità dei nostri doppiatori.

E uno di questi è proprio Roberta De Roberta, tra le migliori doppiatrici italiane.

I ragazzi saranno seguiti accuratamente dai docenti che cercheranno di migliorare le loro lacune e di perfezionarli là dove già abbiano delle nozioni

Inoltre gli verrà insegnato anche come si affronta un provino.

Dal provino per il musical a quello per un ruolo in un film, da quello per un programma comico a quello di soubrette tv.

In più sarà possibile prendere parte a stage intensivi tenuti da altri professionisti dello show business

C.T.C. a Teatro e al Cinema come a Casa

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon