Empty Stage --- Image by © William Whitehurst/CORBIS

ULTIMA SETTIMANA DI SPETTACOLI

A OSTIA ANTICA FESTIVAL

Ecco il programma della terza edizione della rassegna

“Il Mito e il Sogno” al Parco Archeologico di Ostia Antica

Ultima settimana di spettacoli all’ OSTIA ANTICA FESTIVAL -Il Mito e il Sogno, la terza edizione della rassegna che si svolge al Teatro Romano, organizzata dal consorzio di imprese “Antico Teatro Romano” in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica, che chiuderà il 28 luglio con il concerto dei Pink Floyd Legend e riaprirà l’8 settembre per un evento unico con Angelo Pintus.

Sabato 21 luglio “CARMINA BURANA – DALLE RADICI DELLA TRADIZIONE A CARL ORFF“, la nuova ed esclusiva produzione firmata MENTI ASSOCIATE, con l’ideazione e direzione musicale di Nando CitarellaStefano Saletti e Pejman Tadayon del Cafè Lotì che insieme al loro ensemble popolare, divideranno il palco con cento elementi tra cantanti, musicisti e coro, diretti dal  Giovanni Cernicchiaro, per un incontro unico tra la tradizione popolare e la musica colta.

Domenica 22 luglio, DAMIEN RICE, considerato uno dei migliori cantautori internazionali del nostro tempo, con il suo Wood Water Wind Tour.

Martedì 24 luglio, la nuova produzione di Fabio Morgan per Progetto GoldsteinFASCISMO MON AMOUR, uno spettacolo teatrale di Leonardo Ferrari Carissimi, tratto dal Miles Gloriosus di Plauto per la prima volta in scena con la Compagnia del Teatro dell’Orologio, una commedia degli equivoci al tempo stesso amena e brillante come il miglior teatro romano, una commedia che dietro le sue vicenduole tiene nascosta, nemmeno troppo bene, una critica violenta nei confronti dell’impero in disfacimento.

Mercoledì 25 luglio, BURT BACHARACH, uno dei più grandi compositori di ogni tempo, con una personalità da eroe carismatico che gli ha consentito di superare i limiti generazionali scrivendo alcuni fra i più acclamati brani nella storia della musica, torna in tour in Europa per festeggiare i suoi 90 anni.

Giovedì 26 luglio sarà la volta del grande ritorno di LATTE E I SUOI DERIVATI, in concerto con la storica formazione di sempre: Claudio Greg Gregori e Lillo Petrolo alle voci, Paolo Di Orazio alla batteria e Fabio “The Fabulous” Taddeo alle chitarre, Attilio Di Giovanni alle tastiere e Ingo Schwartz al basso. La scaletta comprenderà brani storici ed imprescindibili (riarrangiati ad usum delphini), canzoni troppo spesso dimenticate (stoltamente dalla band, volutamente dal pubblico) e composizioni nuove di pacca.

Sabato 28 luglio, dopo il sold out dello scorso anno, tornano i PINK FLOYD LEGEND con “Live At Ostia Antica” con l’esecuzione – oltre ai maggiori “greatest hits” –  dei brani che i Pink Floyd eseguirono dal vivo nel leggendario concerto-evento del 1971 “Live At Pompeii”, con un nuovo ed unico allestimento del palco per riprodurre la suggestione delle atmosfere, dei suoni e delle luci dell’originale.

La terza edizione di Ostia Antica Festival “Il Mito e il Sogno” è organizzata dal consorzio di imprese Antico Teatro Romano, in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica. Il progetto nasce e si sviluppa con l’obiettivo di rilanciare la magnifica area archeologica di Ostia e il Parco Archeologico di Ostia antica. Il binomio fra tradizione e innovazione rimane il punto cardine del progetto proposto dal consorzio di imprese Antico Teatro Romano.

L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale, con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e il patrocinio del Municipio X.

PROSSIMI SPETTACOLI  OSTIA ANTICA FESTIVAL. IL MITO E IL SOGNO 2018

21 LUGLIO 2018  CARMINA BURANA – Dalle radici della tradizione a Carl Orff

22 LUGLIO 2018  DAMIEN RICE  Wood Water Wind Tour

24 LUGLIO 2018 FASCISMO MON AMOUR (Prosa)

25 LUGLIO 2018  BURT BACHARACH

26 LUGLIO 2018  LATTE E I SUOI DERIVATI

28 LUGLIO 2018  PINK FLOYD LEGEND plays Live At Ostia Antica

8 SETTEMBRE 2018 ANGELO PINTUS in PINTUS@OSTIA ANTICA

TEATRO ROMANO / OSTIA ANTICA FESTIVAL 2018 – “IL MITO E IL SOGNO – IIIa EDIZIONE”

PARCO ARCHEOLOGICO – VIALE DEI ROMAGNOLI 717 – 00119 – OSTIA ANTICA – ROMA

INFOLINE : 06-97602968

http://www.ostianticateatro.com

PREVENDITE: ticketone.it – boxofficelazio.it – etes.it – bookingevents.it

LATTE & I SUOI DERIVATI

Il gruppo sorto nel 1992 dalle ceneri di una casa editrice di fumetti in fallimento torna ad esibirsi in un concerto studiato apposta per pubblici in cerca di emozioni comiche surreali.

La scaletta comprenderà brani storici ed imprescindibili (riarrangiati ad usum delphini), canzoni troppo spesso dimenticate (stoltamente dalla band, volutamente dal pubblico) e composizioni nuove di pacca.

Non abbiano timori, però, i vecchi seguaci: l’ironia dissacratoria e cinica, il metalinguaggio e l’acida satira dei costumi umani si son forse intensificati negli anni e tutto volgerà a ricreare quei momenti di rara empatia con il pubblico, nei quali da sempre Latte ha immerso il suo becco.

La formazione storica di sempre: Claudio Greg Gregori e Lillo Petrolo alle voci, Paolo Di Orazio alla batteria e Fabio “The Fabulous” Taddeo alle chitarre, Attilio Di Giovanni alle tastiere e Ingo Schwartz al basso.

Collaboratori in una casa editrice di fumetti per ragazzi (la Acme di Roma), Greg (fumettista) e Paolo Di Orazio (coordinatore di testate) decidono di formare una band di canzoni parodistiche. L’editore accorpa ai due Lillo (fumettista), incaricandoli di gettare le basi per un progetto a fumetti demenziali. I primi lavori sulla testata vengono interrotti dalla chiusura della casa editrice. I materiali raccolti già possiedono in nuce le caratteristiche della futura band. Lillo, Greg e Paolo, disoccupati, trasportano gli appunti di lavoro in sala prove, coinvolgendo altri colleghi fumettisti, tra i quali il celebre Passepartout (al pianoforte). Dopo alcune indecisioni ed un periodo di caotiche prove in cantina, il gruppo esordisce il 25 febbraio 1992 al Classico Village di Roma, in occasione del festival di musica demenziale Ugola d’oro, vincendo sia il premio della critica sia quello del pubblico.

La band si esibisce in trio: Lillo è tra il pubblico e salirà in un secondo momento. Dopo qualche settimana, il gruppo entra in sala per registrare il primo blocco di provini; lo studio è il Diapason di Roma. Con una manciata di brani su cassetta, la band inizia a proporsi ai vari club della città. L’apprezzamento crescente del pubblico si propaga in velocità, e presto sono i locali a proporsi ai Latte, che hanno intanto assoldato il chitarrista storico Fabio Taddeo. L’incontro con il produttore manager Renato Venturiero è significativo per avviare un percorso professionale. Successivamente vi è un altro giro di provini per un demo più ricco ed elaborato presso gli studi Grop, dove, nella veste di fonico, troviamo Enrico Cosimi, già compagno (al basso elettrico) di Paolo Di Orazio nel trio proto-punk capitolino Uniplux e pronto a entrare nella formazione.

L’anno successivo Latte & i Suoi Derivati partecipano come ospiti alla 4ª edizione del Festival di Sanscemo, eseguendo in playback uno dei loro brani più celebri, Alla fiera der Tufello.

Durante tutta la prima stagione dei concerti, specialmente quelli tenuti al Classico, il gruppo divide il palco con il poeta-sassofonista-cabarettista Nico Ladispoli. Dopo una memorabile tripla partecipazione al cabaret televisivo di Saluti e baci de Il Bagaglino, il gruppo intraprende una fitta attività concertistica, che lo porterà, tra l’altro, ad esibirsi per ben due volte all’interno della casa circondariale di Rebibbia. Il gruppo continua poi ad esibirsi in vari locali di Roma e dintorni, nel Lazio e nel Centro-Sud, riscuotendo un successo ed una notorietà sempre crescenti, e guadagnandosi poco a poco un pubblico fedele e numericamente significativo (15.000 paganti in una serata al Testaccio Village).

Nel 19951996, la formazione si fonde con la Compagnia Attori e Tecnici di Attilio Corsini e partecipa a due stagioni di repliche della commedia musicale 57 Quaranta 170 (06 per chi chiama da fuori Roma), andata in scena al Teatro Vittoria di Roma, per la firma di Attilio Corsini (sotto lo pseudonimo Michael Doodley); un buon successo di pubblico e la benevolenza della critica proiettano il gruppo in un giro di concerti per tutto il Centro Italia. Nello stesso periodo c’è la partecipazione al Concerto del Primo Maggio di Porta San Giovanni a Roma: di fronte a 350.000 persone Latte & i Suoi Derivati eseguono una versione di Ginoska. Successivamente, il gruppo partecipa ad una sfortunata edizione di Sanremo Giovani 1996 con la medesima canzone, venendo eliminati. Dopo la partecipazione alla trasmissione calcistica Galagoal vi sarà un distacco reale tra i due cantanti ed i quattro musicisti (non a caso, in seguito, Lillo & Greg intraprenderanno una carriera solista).

Il 2010 vede l’esibizione di Latte & i Suoi Derivati al Teatro Olimpico di Roma nel concerto Shine a latte – World tour, definito ironicamente “il primo concerto in 2D”. Il quartetto storico (Lillo & Greg, Paolo Di Orazio, Fabio Taddeo) è accompagnato da altri musicisti, tra cui una sezione di fiati. Dopo qualche data estiva, il 5 settembre suonano nella suggestiva cornice del Teatro di Ostia Antica.

TEATRO ROMANO / OSTIA ANTICA FESTIVAL 2018 – “IL MITO E IL SOGNO – IIIa EDIZIONE”

PARCO ARCHEOLOGICO – VIALE DEI ROMAGNOLI 717 – 00119 – OSTIA ANTICA – ROMA

INFOLINE : 06-97602968

http://www.ostianticateatro.com

26 LUGLIO 2018   – LATTE & I SUOI DERIVATI

Posto unico: € 24,50 + 3,50 d.p

PREVENDITE: ticketone.it e boxofficelazio.it

INFOLINE: 348 6139844

RASSEGNA “IL MITO E IL SOGNO” 3a ed.

Teatro Romano di Ostia Antica

24 luglio ore 21.00

Fabio Morgan

Presenta

la Compagnia del Teatro dell’Orologio

in

FASCISMO MON AMOUR

Dal MILES GLORIOSUS di Plauto

Uno spettacolo di

Leonardo Ferrari Carissimi

Scritto e diretto da Leonardo Ferrari Carissimi

tratto dal Miles Gloriosus di Plauto

con Anna Favella e Matteo Cirillo

e con Davide Antenucci, Susanna Laurenti, Benedetta Russo, Enrico Torzillo, Riccardo Viola, Pietro Maria Virdis

e gli allievi della Scuola di Recitazione del Teatro dell’Orologio

assistente alla regia Marta Franceschelli

vocale coach Giulia Nervi

costumi Vanessa Mantellassi

organizzazione e comunicazione E45

una produzione di Fabio Morgan per Progetto Goldstein

Tratto dal Miles Gloriosus di Plauto, Fascismo Mon Amour racconta la storia di Augusto, convinto di trovarsi in Abissinia per girare un documentario sull’efficienza dell’imperialismo fascista in Africa del nord. Protagonista inconsapevole di tutto, Augusto viene gabbato da tutti i personaggi che gli gravitano attorno, che nutrono nei suoi confronti dei meri interessi economici e di status.

Augusto però è un animo gentile che vive il pesante complesso di non essere all’altezza della situazione e vaga per la colonia in preda ad un delirio che altalena tra imitazioni del comico galateo fascista e la vuota passione per il cinema.

Lo svolgimento dello spettacolo segue il dictat della commedia degli equivoci e al tempo stesso amena e brillante come il miglior teatro romano, una commedia che dietro le sue vicenduole tiene nascosta, nemmeno troppo bene, una critica violenta nei confronti dell’impero in disfacimento.

25 Aprile 1945. Abissinia.

Augusto Romano viene incoronato console d’Abissinia. È stato spedito in Africa dopo un periodo infruttuoso e fallimentare come “regista” presso L’istituto Duce di Roma. Suo padre, un importante gerarca del Fascismo parlamentare, per salvare suo figlio dall’odio antifascista che si sarebbe scatenato di lì a poco, decide di parcheggiarlo in una colonia italiana in Africa.

Augusto, inconsapevole di tutto, spadroneggia in quest’oasi e viene gabbato da tutti i personaggi che gli gravitano attorno, che nutrono nei suoi confronti dei meri interessi economici e di status.

Ad accompagnarlo in questa disavventura c’è l’operatore Serafino, un ebreo francese in fuga, che si prende gioco con estremo cinismo del suo padrone indifeso. Ed è proprio Serafino a suggerire il titolo Fascismo Mon Amour per il documentario.

Filomena, per ragioni politiche, è costretta a ricoprire il ruolo dell’amante di Augusto. L’amore però la lega a Livio Bettarini, un aviatore emiliano, fascista per sciagura d’anagrafe, che prova una comica e spropositata ammirazione per gli Stati Uniti d’America.

Filomena è segregata nella tenda del console Augusto e vive la sua vita in una sorta di isolamento coatto. A vegliare sulla sua esistenza da reclusa c’è Rocco, un soldato partenopeo ottuso ed ostinato. Accanto però c’è un’altra tenda. È quella di Amir, una locanda coloniale frequentata unicamente da soldati fascisti. Amir, convinto dal denaro di Livio, trova un modo per mettere in collegamento le due tende in modo da permettere ai due fidanzati di incontrarsi di nascosto.

La commedia ha inizio con Rocco che scopre Livio e Filomena in effusioni amorose.

OSTIA ANTICA FESTIVAL 2018 – “IL MITO E IL SOGNO – IIIa EDIZIONE”

TEATRO ROMANO – PARCO ARCHEOLOGICO

VIALE DEI ROMAGNOLI 717 – 00119 – OSTIA ANTICA – ROMA

http://www.ostianticateatro.com

INFO E PRENOTAZIONI:

email. lacittaidelae171@gmail.com

tel. 06 6875550

whatsapp (solo messaggi) 339 4088004

BIGLIETTI

intero – 15€

ridotto – 10€

RASSEGNA “IL MITO E IL SOGNO” 3a ed.

Teatro Romano di Ostia Antica – 28 luglio 2018 – ORE 21

MENTI ASSOCIATE

presenta

PINK FLOYD LEGEND

in

LIVE AT OSTIA ANTICA

FABIO CASTALDI – Basso, Voce, Gong
ALESSANDRO ERRICHETTI – Chitarra, Voce
EMANUELE ESPOSITO – Batteria
SIMONE TEMPORALI – Tastiere, Voce

con

PAOLO ANGIOI – Chitarra acustica, elettrica e 12 corde, Basso, Voce
MICHELE LEISS – Sassofono

MARTINA PELOSI – Cori
SONIA RUSSINO – Cori
GIORGIA ZACCAGNI – Cori

ANDREA ARNESE – Video/Audio Effects, Keytar, Chitarra acustica

Con questo appuntamento si conclude l’ OSTIA ANTICA FESTIVAL -Il Mito e il Sogno, la terza edizione della rassegna che si svolge al Teatro Romano organizzata dal consorzio di imprese “Antico Teatro Romano” in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica.

Parte nel 2005 la carriera dei Pink Floyd Legend a oggi riconosciuti come il gruppo italiano che rende il miglior omaggio alla musica dei Pink Floyd, grazie alla realizzazione di show perfetti, frutto dello studio approfondito delle partiture e dei concerti live che la band inglese ha proposto nel corso degli anni.

Solo negli ultimi tre anni la band ha contato più di 40000 spettatori che hanno assistito ai loro spettacoli in teatri e festival di chiara fama internazionale, grazie anche alla realizzazione unica del capolavoro Atom Heart Mother, la celebre suite per orchestra e coro, che dal 2012 a oggi, a ogni rappresentazione, ha incassato il “tutto esaurito” (come al Teatro Olimpico e l’Auditorium della Conciliazione di Roma, allo Sferisterio di Macerata, al teatro Romano di Ostia Antica e al Teatro degli Arcimboldi di Milano),   coinvolgendo le platee più traversali e spazi di  spettacolo unici per importanza e connotazione.

Sulla scia di questi ultimi successi, e facendo forza sulla contestualizzazione degli spettacoli negli spazi in cui vengono ospitati, a Ostia antica la band propone questo spettacolo il cui repertorio prevede l’esecuzione dei grandi classici comprensivi dei brani che i Pink Floyd eseguirono dal vivo nel leggendario concerto-evento del 1971 “Live At Pompeii”.

LO SPETTACOLO

Lo spettacolo “Live At Ostia Antica ” si sviluppa attraverso l’esecuzione dei grandi classici, comprensivi dei brani che la band eseguì dal vivo nel leggendario concerto-evento del 1971 “Live At Pompeii”, la prima metà e il finale di Echoes, One of These Days, e A Saucerful of Secrets, calato in una cornice scenografica che riproduce la suggestione delle atmosfere, dei suoni e delle luci dell’originale. Per questo i Legend scelgono di suonare questo live tutto d’un fiato concentrandolo in un’unica metà del loro spettacolo, nella originaria formazione a quattro, e dando spazio all’improvvisazione per ricreare il sound psichedelico e inconfondibile dei Pink Floyd del primo periodo. Prima di essere suonato, il Live At Pompeii va infatti “sentito e vissuto” tanto è particolare nella scelta dei brani, nella modalità di esecuzione e nell’arrangiamento. Qui si vedono i veri Pink Floyd, grandi improvvisatori e creatori di incredibili atmosfere e sonorità senza l’utilizzo di effetti speciali, ma con il solo ausilio della strumentazione di base.

Non a caso la cornice essenziale per la realizzazione dello show è l’utilizzo della stessa strumentazione dell’originale: il grande gong al centro della scena è quello utilizzato da Waters con tanto di fiamme; la batteria ha le stesse decorazioni sulla doppia cassa come quella di Mason; la chitarra è la Black Strat di Gilmour dal primo aspetto con il palettone anni 70′ e il battipenna bianco; il basso è il Sunburst con il battipenna tartarugato; infine l’organo è il Farfisa Compat Duo con il quale Wright riusciva a creare le sue indimenticabili melodie e le celestial voices di A Saucerful of Secrets.

L’intero spettacolo è accompagnato da stralci di immagini tratte dal film, proiettate sul megaschermo circolare di 5 metri di diametro situato, nel rispetto della migliore tradizione floydiana, sullo sfondo del palco.

Durante il resto del concerto, i Pink Floyd Legend vengono affiancati da altri 6 musicisti per riproporre i grandi classici dei Pink Floyd, tutti insieme, in un grande ensemble musicale e vocale.

PINK FLOYD LEGEND PLAYS LIVE AT OSTIA ANTICA

TEATRO ROMANO DI OSTIA ANTICA – 00122 Roma

28 luglio 2018 – ore 21

Centralino: attivo dal lunedì al venerdì ore 10 – 18

Telefono: + (39) 06.97602968

Posto unico a sedere €. 30,00

Prezzi comprensivi di diritto di prevendita

Biglietti in vendita su www.ticketone.it – www.bookingevents.it – www.boxofficelazio.it

MANAGEMENT e ORGANIZZAZIONE: MENTI ASSOCIATE

www.mentiassociate.it – Tel. 06-97602968
www.pinkfloydlegend.com

TEATRO ROMANO / OSTIA ANTICA FESTIVAL 2018 – “IL MITO E IL SOGNO – IIIa EDIZIONE”

PARCO ARCHEOLOGICO – VIALE DEI ROMAGNOLI 717 – 00119 – OSTIA ANTICA – ROMA

INFOLINE : 06-97602968

http://www.ostianticateatro.com

PREVENDITE: ticketone.it – boxofficelazio.it – etes.it – bookingevents.it

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon