sua eccellenza è servita

E’ andato in scena, nel nuovo Teatro Cyrano, lo spettacolo Sua eccellenza è servita, un testo di Patrizio Pacioni e Salvatore Buccafusa diretto da Giancarlo Fares, una commedia surreale che gioca col teatro e col concetto di teatro nel teatro.

Nel ristorante gestito da Osvaldo e chiuso per lavori si ritrovano a cena bislacchi personaggi: un Vescovo sposato che è lì per festeggiare il proprio compleanno su invito del “caro amico” Ludovico,  attore privo di talento, e di sua moglie Isidora, esuberante cantante melodica. A loro andranno ad unirsi lo svogliato oste, una ragazza dall’apparenza semplice, Olga, e uno scontroso geometra, Giuseppe.

Una serie di personaggi sopra le righe, ognuno dei quali appare in un modo diverso da quello che realmente è.

In un gioco delle parti un po’ confusionario e poco ordinato, attori e commensali si mescolano in una serie di eventi che si accavallano, non sempre con semplicità, dando vita a situazioni carine e divertenti.

Entrando e uscendo continuamente dalle proprie parti, realtà e finzione si mescolano e gli attori diventano un poco personaggi e i personaggi prendono un po’ le caratteristiche degli attori. Escono fuori così le piccole ambizioni personali e le frustrazioni intime ogni volta associate o all’uno o all’altro.

Lo spettacolo, in questo suo richiamo metateatrale, è ricco di citazioni, anche se qui l’obiettivo non è centrato. Il testo non è particolarmente brillante e presenta alcuni deboli passaggi che la regia di Giancarlo Fares riesce a tenere insieme con continuità e gradevolezza.

Sua eccellenza è servita è uno spettacolo che, attraverso i caratteri del surreale e con molta, troppa leggerezza, cerca di mettere in luce il lato nascosto delle persone, rivelando, dietro i sorrisi di circostanza, la falsità, l’arrivismo e la difficoltà di instaurare rapporti veri.

Sua eccellenza è servita

scritto da Patrizio Pacioni e Salvatore Buccafusca

regia di Giancarlo Fares

con Antonio Conte, Guenda Goria, Salvatore Buccafusca, Francesco Sala, Mimma Lovoi, Marco Blanchi

scene e costumi Fabiana di Marco

aiuto Regia Viviana Simone

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon