397742_2934062839575_598009256_n

Foto di copertina di Antonio Licari.

 

Silvio Laviano, classe 1979, attore e regista catanese con all’attivo una lunghissima carriera in teatro, cinema e televisione.

Già a sedici anni calcava il palco del teatro con spettacoli professionali in Italia e all’estero  poi, dopo il diploma alla Scuola di Teatro Stabile di Genova nel 2002, comincia l’attività ufficiale nella quale inanella uno spettacolo dietro l’altro.

Collabora sia con vari Teatri Stabili italiani che con produzioni private e straniere, interpretando grandi autori classici e contemporanei. E’ diretto da vari registi tra i quali M.Sciaccaluga, T. Tuzzoli, F. Bruni, L. Puggelli, J. Ferrini, R. Cavosi, G. Rappa, A.L. Messeri, M. Mesciulam, P.Bontempo, N.Romeo, N.A.Orofino ecc… Lavora anche in campo cinematografico, televisivo e pubblicitario diretto da vari registi tra i quali M. Bellocchio, F. Ozpetek, G. Manfredonia, A. Amadei, A. Grimaldi, R. Izzo,ecc.

E’ autore e interprete di Salvatore – Favola Triste per voce sola. E’ Regista Teatrale dei progetti originali “DIVERSI – Personaggi in cerca di un Altrove” , “Borderline in Love” e “S.O.G.N.O. ergo Sum” e ideatore del Progetto di ricerca teatrale S.E.T.A. (Studio Emotivo Teatro Azione).

 

12998592_10209730743774278_794269090130612667_n

 

Un curriculum che, sinceramente, mi fa sgranare gli occhi!

 Grazie. Lavoro da quando ero giovanissimo.

Nella mia carriera, però, c’è stato un evento che mi ha portato a dover ricominciare da capo.

Nel 2010 chiusi un importantissimo contratto di tre anni con la Rai come protagonista a Palermo per una lunga serialità. Mi trasferì da Roma, dove già lavoravo, a Palermo. Dopo quattro mesi bloccarono le riprese. La produzione fallì. Era il 2011 ed io rimasi a Palermo in una casa pagata dalla produzione e che dovevo lasciare. Non mi pagarono nemmeno i mesi che avevo lavorato. Fu uno choc per la televisione italiana: duecento persone tra attori e maestranze rimasero a piedi e senza soldi.

Fu davvero traumatico per me e destabilizzante per la mia carriera. Dovetti rimanere in Sicilia, non avevo i soldi per tornare a Roma. Dovetti ricominciare da capo e da lì è nato Salvatore – Favola triste per voce sola.

Sono molto legato a Salvatore perché è uno spettacolo che nasce dalla crisi. Avevo scritto questo testo, un racconto che poi trasformai in monologo, nel 2008 e lo tenni in un cassetto. Dopo quella esperienza pensai che fosse il momento adatto per rinascere, riprendere in mano la mia vita e raccontare una storia che mi apparteneva e mi appartiene tuttora, anche se Salvatore non è un’opera autobiografica.

Ho debuttato a Catania, ho cominciato ad insegnare. Nel 2013 sono tornato a Roma, ho ricominciato a lavorare in televisione e al cinema, ho ripreso il teatro, è nato il mio progetto di formazione di teatro contemporaneo in Sicilia che si chiama Progetto S.E.T.A.

Questi cinque anni sono stati anni di ripresa di coscienza come attore. Ho utilizzato la crisi come un’opportunità per rimettermi in gioco: certo è stato molto duro, ma posso dire di essere un Silvio molto diverso da allora. 

Salvatore favola triste per voce sola. Cosa è?

 Salvatore è una favola a tutti gli effetti. Scrissi questo testo immaginando la vita di un ragazzo raccontata in cinque momenti, come se fosse una favola, con un inizio, uno svolgimento e una morale. Salvatore racconta la sua vita dall’inizio fino ai trent’anni all’interno di una provincia del sud Italia, Catania, città che in quei trent’anni è cambiata tantissimo.

Catania è come una bella donna che è stata costretta a prostituirsi dai catanesi. La città che era la Milano del sud, progressista economicamente, è diventata un enorme centro commerciale.

Salvatore è una “favola” che racconta il valore del ricordo; “triste” perché come tutte le favole possiede una morale; “per voce sola” perché Salvatore è uno, ma racconta la propria vita attraverso ventidue personaggi.

E’ una storia piccola, di una città piccola, che vuole raccontare l’universalità di tutte le province attraverso il cunto siciliano, che è il racconto. 

Hai parlato di ricordo. Come è inteso questo ricordo?

 Sì, Salvatore è una storia che mette al primo posto il valore del ricordo. Si parte dal passato per decidere di intraprendere una strada verso la costruzione di un futuro. Per fare questo si deve passare dalla crisi. Salvatore è cosciente che deve ripartire da sé, deve appartenersi. 

Quindi Salvatore è un viaggio, ma in che direzione?

 Sì, Salvatore è un viaggio sensoriale che faccio io come autore e attore: ogni quadro parla del tempo che passa, si raccontano le varie età di Salvatore.

Salvatore nasce settimino. E’ questo un concetto che volevo affrontare perché anche io sono nato di sette mesi (questo è l’unico elemento in comune con Salvatore). Nascere due mesi prima, quarant’anni fa, significava essere in crisi, tra la vita e la morte. Però rappresenta anche l’impazienza di vivere.

E’ un viaggio nel tempo e in ogni quadro si raccontano i profumi della Sicilia, che, a volte diventano anche puzze. La Sicilia è una terra con dei contrasti pazzeschi. Abbiamo l’Etna, abbiamo il mare, abbiamo colori, odori, sapori. Non dobbiamo però mai dimenticare che la Sicilia è un’isola. Nonostante la distanza con la penisola sia brevissima, viviamo quella dimensione a se stante propria dell’isola. Tra l’altro ogni città in Sicilia è un’isola a sé. Ci sono tante Sicilie. Io racconto quella che conosco, quindi Catania. 

Hai parlato della Sicilia, regione meravigliosa ricca di sapori, odori e colori. Parliamo della struttura di questo testo, in cui utilizzi sia il siciliano che litaliano.

 La scrittura, molto concreta, e la recitazione, molto fisica, vogliono ricordare il cunto della tradizione classica siciliana che arriva dal canto delle prefiche, dal valore della parola, dal teatro greco.

Le immagini emotive vengono espresse in siciliano. Poi c’è un io narrante che parla italiano, sempre con cadenza siciliana. Le due lingue insieme creano la comunicazione. E’ un modo per uscire dal provincialismo e ricordarsi di essere italiani.

Per me è stato importante utilizzare il siciliano: non penso in dialetto, ma faccio l’amore in dialetto, mangio in dialetto, tutto il mondo emotivo nella mia testa è in dialetto. 

 

Salvaore 083 - Copia

Foto di Antonio Licari

Hai scritto Salvatore – Favola triste per voce sola nel 2008; è rimasto nel cassetto fino al 2011. In questi sei anni lo hai portato in scena costantemente?

 Sì, a parte una pausa di un anno e mezzo circa perché ero impegnato con altri lavori.

Lo avrei portato in giro molto di più. Ora è subentrata una produzione, fino adesso lo avevo autoprodotto, con quel coraggio che ho cercato di avere.

Questa è la responsabilità del mercato italiano: pur avendo recensioni importantissime nazionali e avendo partecipato a festival, il problema è che la crisi teatrale italiana ti mette in difficoltà anche nel far girare un monologo.

Il Teatro in Italia ha molte sezioni, tipologie. Si fa distinzione tra l’attore del Teatro Stabile, l’attore di musical, l’attore di fiction, l’attore di cinema. Per me, invece, esistono solo due tipi di teatro: quello bello e quello brutto.

Io sono fortunato perché ho fatto tante cose diverse, dalla pubblicità, al cinema, al teatro, però nel mondo teatrale ho sempre fatto parte di un giro più di Teatri Stabili. A Roma, invece, ho fatto più televisione e cinema, poco teatro. Sono due/tre anni che non sono in scena a Roma e per me questo debutto nella capitale è molto importante. 

Dicevamo: sei anni circa di rappresentazioni. In questi anni, Salvatore è cambiato?

 Il testo è rimasto lo stesso, però Silvio è cambiato. Salvatore non esisterebbe se non avesse Silvio o qualunque altro attore. Un personaggio scritto, per quanta forza possa avere rimane sulla pagina se non ha come strumento un attore che lo racconta.

Il tempo passa e si cambia, ci si trasforma, e poiché io sono cambiato, alcune cose di Salvatore adesso sono un po’ più mature, altre sono più morbide.

Ho visto il trailer di Salvatore e ho notato che c’è una grande fisicità.

 Sì, sudo tanto! Prima di ogni spettacolo faccio un’ora di training, ho bisogno di un allenamento fisico pazzesco. 

Abbiamo parlato del tuo passato professionale. Salvatore collega il tuo passato al tuo presente. Di cos’altro è fatto il presente di Silvio Laviano? So che insegni e che sei ideatore e curi da qualche anno un progetto di ricerca teatrale.

 Sì insegno prosa alla AIDM, Accademia Internazionale del Musical, di Catania. Però la parola insegnare non mi piace: io condivido la mia esperienza nella recitazione sia con gli allievi dell’AIDM sia nel mio Progetto S.E.T.A. (Studio Emotivo Teatro Azione). 

Che cosa è il Progetto S.E.T.A.?

 Ti posso dire cosa non è. Non è una compagnia, non è una scuola, non è un gruppo, ma è un’idea che si sviluppa rispetto al bisogno di ricerca anche di nuove forme di teatro contemporaneo di cui c’è enorme bisogno in questo momento in una città come Catania dove il Teatro si è fermato a quarant’anni fa, il Teatro Stabile è stato commissariato e non ci sono soldi.

Quindi è nato questo Progetto S.E.T.A. che alla fine è Silvio Laviano, che ha sviluppato dei laboratori per la creazione di immagini emotive, come metto in atto, per esempio, in Salvatore; l’uso del corpo degli attori attraverso una tecnica precisa, attraverso l’uso delle improvvisazioni. Un processo creativo che è in linea col teatro europeo contemporaneo.

Sai perché S.E.T.A.? La seta è un materiale che ti tiene caldo d’inverno e fresco d’estate. Allo stesso modo il progetto è qualcosa di cui spero un giorno ci sarà bisogno, come un materiale che si adatta a quello di cui uno ha bisogno.

Sto lavorando molto sullo svecchiamento di quello che è un po’ il linguaggio teatrale che in Sicilia e nel sud Italia ha ammazzato tanti giovani. Al sud ci sono tantissimi ragazzi che hanno bisogno di scoprire un nuovo linguaggio.

Il Progetto S.E.T.A. è la mia scatola magica. 

In Salvatore tu sei solo sulla scena, ma hai alle spalle il valido aiuto di Tommaso Tuzzoli alla regia. Come mai non hai pensato di dirigerti da solo?

 Salvatore nasce con la regia di Tommaso. Credo che ogni attore abbia bisogno di un occhio esterno. Tommaso è un regista con cui in passato ho fatto delle cose bellissime da cui ho imparato tantissimo. E’ giovane, ha cominciato prestissimo. Tommaso è stato il regista che nel 2007 mi chiamò per uno degli spettacoli che hanno fatto parte della mia vita per anni e che fu Il sentiero dei passi pericolosi di Bouchard, uno spettacolo che andò benissimo e da allora lavoriamo insieme. Quando ho avuto il desiderio di raccontare Salvatore mi sono detto che l’unico regista che può veramente vedermi dal di fuori è lui. 

Cosa ha portato Tommaso nel tuo spettacolo?

 Lui è l’unico regista che riesce a prendere le mie emozioni, a dirigermi, a pulire e a mediare il mio mondo immaginifico con quello che è lo spettacolo. Riesce dirigermi e non è facile. Lavora anche benissimo con le luci, è riuscito a creare uno spazio scenico solo con le luci.

Devo dire anche grazie a Sabrina Jorio, un’attrice bravissima, che si occupa del training emotivo e delle improvvisazioni che faccio durante lo spettacolo. Sabrina riesce a portarmi ad una temperatura tecnica importantissima per questo spettacolo.

Siamo un gruppo, lavoriamo da dieci anni insieme. Si decide tutto insieme. Credo che questo sia il futuro del teatro: creare dei gruppi che lavorano bene insieme. 

 

Bene, allora non resta altro che andare al Teatro Brancaccino dal 2 al 5 febbraio 2017 a vedere Salvatore – Favola triste per voce sola.

Ringrazio tantissimo Silvio Laviano per la lunghissima, bellissima e divertentissima chiacchierata a ruota libera in cui abbiamo parlando di teatro, Sicilia, sudore e confrontandoci sui vari momenti della vita, uscendo continuamente fuori tema! Tanti contenuti tra mille risate e bei racconti.

 

Salvaore 120

Foto di Antonio Licari

 

Golden Show Trieste in collaborazione con Tinaos e M.P.

Salvatore – Favola triste per voce sola

di e con Silvio Laviano

regia Tommaso Tuzzoli

trainer Sabrina Jorio

suono Federico Dal Pozzo

foto / progetto grafico Officina Fotografica

video Teresa Terranova

produzione in collaborazione con Festival Benevento Città Spettacolo 2012, Teatri in Città – Festival di Teatro Contemporaneo

www.goldenshowtrieste.com

TINAOS PRODUZIONI:

SALVATORE Favola Triste per voce Sola In 1 MINUTO:

https://www.youtube.com/watch?v=dghTNQ9EDYE

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon