Notre Dame de Paris

Palazzo dello Sport

28 dicembre 2019

06 gennaio 2020

 

Notre Dame de Paris: continua il successo della prima Opera moderna rappresentata in Italia

note dame

 

Notre Dame de Paris è un’Opera moderna magnifica che non ha bisogno di presentazioni.

Lo spettacolo di Riccardo Cocciante e Luc Plamondon, con la regia di Gilles Maheu e le coreografie di Martino Muller debuttò a Parigi nel 1998 per poi girare praticamente in tutto il mondo. In Italia arrivò nel 2002 grazie al grandissimo produttore David Zard. La versione italiana fu affidata a Pasquale Panella ed è così che continua ad essere rappresentata in Italia.

La storia è nota. 

Sono moltissime le cose che colpiscono di quest’Opera. Innanzitutto la spettacolarità: Notre Dame de Paris rappresenta in Italia un evento unico e ineguagliato per allestimento e messinscena, tra grandiosità delle scenografie, impatto visivo e impianto luci.

La drammaticità della storia è stata sempre altamente rappresentata da tutti gli artisti che negli anni si sono alternati nei vari ruoli dell’opera, nonostante nel cuore degli appassionati e nostalgici sia rimasto indelebile il ricordo di certi grandi che ancora oggi ricoprono quei ruoli che tanto li hanno fatti amare.

Dopo il ritorno del cast originale, rivelatasi una scelta vincente dal punto di vista commerciale, grandemente attesa, ma non condivisa unanimemente, finalmente si è osato qualcosa di più.

Si tratta di una molto ben riuscita combinazione tra vecchio e nuovo (con un’accezione un po’ larga), in cui i grandi mostri sacri di quest’opera vengono affiancati da più recenti interpreti di grandissimo livello e per i quali (tutti) sono previsti alternate di grande valore.

Accantonata Lola Ponce, che grande ha reso questo ruolo e da questo ruolo tanto ha ricevuto, finalmente una nuova Esmeralda fa il suo ingresso sulla scena (c’è da dire che non sono mancate negli anni meravigliose Esmeralde, ma pare non siano mai riuscite ad emergere come avrebbero meritato).

Nella stagione 2019/2020 Esmeralda è Elhaida Dani, albanese, vincitrice nel 2013 della prima edizione di The Voice nel team di Riccardo Cocciante, dal 2016 Esmeralda nella versione francese originale in Tour mondiale.

Elahida è l’ulteriore dimostrazione che altre Esmeralde possono esserci.

Insieme a lei sul palco conferme eccellenti che grande hanno fatto questo spettacolo e che ancora oggi regalano emozioni straordinarie con le loro voci potenti e avvolgenti e le loro interpretazioni sempre così calde.

Straordinario Giò di Tonno, Quasimodo; immenso come sempre Vittorio Matteucci, Frollo; grande Leonardo Di Minno, Clopin; sempre più potente e coinvolgente Graziano Galatone, Febo; meravigliosa Tania Tuccinardi, nel ruolo di Fiordaliso.

Con buona pace di Matteo Setti, che resta il protagonista titolare del poeta Gringoire, risulta decisamente più apprezzabile e coinvolgente l’interpretazione appassionata di Riccardo Maccaferri, che ha dimostrato negli anni una crescita artistica rilevante a tutto tondo. Il suo Poeta mostra un’anima e una passione che mancavano ormai al personaggio, comprovando le qualità di interprete di Maccaferri.

Una enorme parte del merito della spettacolarità di Notre Dame de Paris, al pari degli straordinari protagonisti, va riconosciuta agli eccellenti ballerini, acrobati e breakers (con molte novità da una stagione all’altra), professionisti di grande talento che si donano fisicamente completamente alla scena, effondendo energia, grinta e sensualità.

In continuo movimento attraversano il palco danzando e volando a corpo libero o appesi alle campane di Notre Dame (coreografia magnifica e difficilissima), arrampicandosi con leggerezza sulla parete di fondo tra bastioni e gargoyle, improvvisando meravigliose coreografie nel brano Cuore in Me.

Non passano inosservate piccole modifiche e una scena, quella di Val d’Amore, completamente nuova, con una connotazione meno erotica, ma sempre sensuale che cattura l’attenzione.

Notre Dame de Paris, nonostante la cupezza e drammaticità della storia, enfatizzata dallo stile dell’Opera, è uno spettacolo che regala sempre grandissime emozioni!

 

Notre Dame de Paris

Musiche Riccardo Cocciante

Liriche Luc Plamondon

Versione Italiana Pasquale Panella

Regia Gilles Maheu

Coreografie Martino Müller

Costumi Fred Sathal

Scenografie Christian Rätz

Cast:

Esmeralda: Elhaida Dani, Tania Tuccinardi, Federica Callori

Quasimodo: Giò Di Tonno, Lorenzo Campani

Frollo: Vittorio Matteucci, Cristian Mini

Gringoire: Matteo Setti, Riccardo Maccaferri

Clopin: Leonardo Di Minno, Lorenzo Campani

Febo: Graziano Galatone, Giacomo Salvietti

Fiordaliso: Tania Tuccinardi, Federica Callori

Foto di Roberto Marchesini

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon