locandina_Teatro India_web

 

Per non dimenticare.

Lo sguardo oltre il fango, liberamente ispirato a “Il bambino con il pigiama a righe”di John Boyne è tornato in scena al Teatro India per un’unica data, il 15 ottobre 2018, all’interno della programmazione del teatro come evento speciale nella sezione “Il dovere della memoria” con l’intenzione di ricordare il 16 ottobre 1943, giorno dell’efferato rastrellamento del ghetto capitolino effettuato dalle truppe tedesche della Gestapo, ricordato come il Sabato Nero.

Lo spettacolo musicale nasce da un’idea del Maestro Simone Martino e del poeta Lorenzo Cioce. Autore delle musiche è lo stesso Simone Martino e il libretto è stato scritto da Lorenzo Cioce e Simone Martino.

La regia è stata affidata a Giovanni Deanna.

Attraverso testi tratti da documenti storici, dialoghi forti e coinvolgenti e un’appassionata colonna sonora si pone come scopo quello della sensibilizzazione verso il doloroso e drammatico tema dell’Olocausto: uno spettacolo sulla memoria e per la memoria.

Lo sguardo oltre il fango è un dramma musicale che racconta la storia di un’affettuosa amicizia nata tra due bambini all’interno di un campo di concentramento durante la seconda guerra mondiale. Tra i due nasce una forte sintonia che si trasforma in amore e annienta ogni differenza e lascia spazio solo al sogno di una vita condivisa fra disperazione e uno sguardo verso il futuro.

Lo spettacolo vive di un’intensità forte e coinvolgente rivelandosi spesso commovente sia per il dramma rappresentato che per la forza evocativa della musica, grazie anche alla presenza in scena di un’eccellente violinista.

In scena dodici bravissimi artisti e la preziosa presenza degli allievi della MTDA, Music, Theatre and Dance Academy diretta dalla straordinaria Manuela Mazzini e della DA.RE.C. Academy Accademia di Musical diretta da Serena Guzzon.

Rispetto all’edizione passata alcuni nuovi ingressi arricchiscono la potenza di quest’opera intensa e struggente: la straordinaria Stefania Fratepietro, nel ruolo di Ada Köller, moglie “inconsapevole” di un feroce assassino, dà al proprio personaggio tutta la drammaticità necessaria riuscendo  a trasmetterne i vari cambiamenti emotivi; Danilo Giannini riesce con grande impeto e carica a trasmettere con la propria voce la crudeltà del proprio personaggio.

Giulietta Rebeggiani diverte per la sua impertinenza, ma è sorprendente per lo sguardo cattivo che atterrisce.

Per tutti gli altri bravissimi interpreti è solamente possibile confermare un grande gradimento: soprattutto, le voci maschili risultano potenti e molto ben amalgamate: Paolo Gatti, Michelangelo Nari, Giovanni De Filippi sono sempre una sicurezza e voci da cui ci si possono aspettare solo grandi perfomance.

Ritroviamo ancora la bravissima Margherita Rebeggiani nei panni della protagonista: ormai avviata verso una splendente carriera e al suo secondo anno nei panni di Jane Banks in Mary Poppins – Il Musical.

Sharon Alessandri riesce a farsi letteralmente odiare nel ruolo della perfida Ilde, giovane votata al Nazismo, mentre Giulia Di Turi le fa ottimamente da contrappeso con garbo, ma decisione e il loro scontro è coinvolgente.

Fa piacere notare anche la crescita di altre promettenti risorse, dai più giovani Gabriele Trucchi e Lorenzo Bernardini, alla più navigata Julie Ciccarelli in un’interpretazione molto drammatica.

Tutti condotti dalla regia lucida e tagliente di Giovanni Deanna.

Le scene sono state eseguite e curate con attenzione da Fabrizio Del Prete e i costumi realizzati con precisione da Rita Pagano.

Lo spettacolo sarà in scena il prossimo 24 gennaio al Palapartenope di Napoli in esclusiva per la Campania.

 

Lo sguardo oltre il fango – La ragazza n°65738

Libretto Lorenzo Cioce e Simone Martino

Musiche Simone Martino

Regia Giovanni Deanna

Con Margherita Rebeggiani, Gabriele Trucchi, Stefania Fratepietro, Paolo Gatti, Daniele Giannini, Sharon Alessandri, Giovanni De Filippi, Michelangelo Nari, Giulia Di Turi, Julie Ciccarelli, Giulietta Rebeggiani, Lorenzo Bernardini, Angela Pascucci

E con Flavia Buoncristiani, Lorenzo Armiento, Federica Armiento, Giorgia Carlotta Nosella, Manuel Spadea

Archi dal vivo

Violino: Monica Canfora
Assistente di produzione Angela Pascucci

Scene Fabrizio Del Prete 

Costumi Rita Pagano

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon