FB_IMG_1459436892682

IO NON POSSO ENTRARE

di Manuela D’Angelo

musiche Andrea Perrozzi

regia Paola Tiziana Cruciani

e con Bernardino De Bernardis

movimenti coreografici Cristina Fraternale

luci Claudio Cianfoni

aiuto regia Andrea Zanacchi

capo elettricista Emanuele De Rossi

FB_IMG_1459436935851

Foto di Luana Belli

 

Io Non Posso Entrare è la nuova e divertente commedia della ditta Perrozzi & Salvatori, scritta da Manuela D’Angelo, nella quale si raccontano storie di vita canina.

In un canile si ritrovano tre cani: Randagio, Artù e Lollo. Randagio è un cane senza nome, perché non ha mai avuto un padrone e che desidera solamente uscire dal quella gabbia per tornare a gironzolare in libertà; Artù è un cane “borghese” ed educato, che ha sempre vissuto con gli uomini e nei quali ripone una fiducia estrema e infatti è convinto che i suoi padroni torneranno a prenderlo; Lollo, infine, è un beagle estroso e divertente che, però, porta dentro l’orrendo ricordo delle sperimentazioni per le quali  veniva utilizzato come cavia.

Dopo una vita passata fuori degli esercizi commerciali che espongono il cartello con la scritta “io non posso entrare”, ora, paradossalmente, hanno solo un desiderio: quello di uscire dalla gabbia.

Così, tra tentativi di fuga falliti, riflessioni, confronti e gag esilaranti, ci viene presentato un mondo visto con gli occhi dei cani e interpretato con le loro supposte categorie mentali, un mondo legato a quello degli uomini che finisce per dimostrarsi più umano.

Io Non Posso Entrare è una commedia nuova e originale; Manuela D’Angelo è riuscita a scrivere un testo intelligente, divertente e leggero, ribaltando il nostro comune linguaggio e riportandolo nel mondo canino, creando delle chicche esilaranti e dimostrando che mentre il cane è sempre il migliore amico dell’uomo, non sempre l’uomo si comporta da amico col proprio cane.

I dialoghi sono serrati, ironici e irriverenti e, tra una risata e l’altra, offrono spunti di riflessione e un paio di momenti di commozione pura.

La struttura dello spettacolo si basa su una riuscita combinazione tra un testo asciutto, divertente e lucidamente cinico, le canzoni accattivanti e romantiche di Andrea Perrozzi e la regia dinamica e frizzante di Paola Tiziana Cruciani.

La cosa che più trapela da questo spettacolo è che è realizzato con il cuore: dietro alla storia divertente e dolce di questi tre animali, c’è una passione forte e comune. Si  avverte che la “causa canina”, a cui tra l’altro lo spettacolo è in parte dedicato attraverso la devoluzione di parte dell’incasso ad un canile, è realmente sentita dai nostri amici.

Andrea Perrozzi e Alessandro Salvatori offrono l’ennesima dimostrazione delle loro grandi capacità comiche e dell’empatia che caratterizza il loro sodalizio artistico, affrontando con leggerezza, ma impegno un tema importante e sempre attuale come il rapporto tra gli esseri umani e gli animali. I loro nomi sono sempre garanzia di divertimento pulito, onesto e genuino.

Con loro il divertentissimo e bravo Bernardino De Bernardis ad interpretare coi suoi modi eccentrici e caricaturali e la propria spontaneità napoletana un personaggio eccentrico e divertente; doppio plauso per lui che è entrato in corsa in questa avventura, appena una settimana prima del debutto, dimostrando grande abilità e professionalità, sicuramente aiutato dalla simpatia e dall’esperienza dei due mattatori Perrozzi & Salvatori.

 

FB_IMG_1459436897407 FB_IMG_1459436900214 FB_IMG_1459436964552

Foto di Luana Belli

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon