CANTO
Di Gio Tortorelli
Cantata da Gio Tortorelli e Luca Giacomelli Ferrarini

 

In questo brano viene celebrato l’amore per il canto da parte di chi ne ha fatto il proprio mestiere. Non è un’attitudine o un’inclinazione, ma una vera e propria passione.

Il cantante vive la musica ogni giorno, in tutto quello che fa trova una melodia da cantare e ispirazione per creare e scrivere testi.

Proprio come in una storia d’amore, cantante e canzone sono inscindibilmente uniti: non è solo il fischiettio sovrappensiero di una melodia, ma una relazione di dare e avere. Il cantante dedica tutto se stesso alla propria passione e questa lo riempie, rendendogli l’amore che riceve. Come in una relazione umana, il canto dà gioie e soddisfazioni, ma anche richiede fatica e può nascondere delusioni.

Il canto accompagna sempre il suo cantore, dando la forza di affrontare anche i momenti più bui. Soprattutto, il canto ragala una libertà infinita, la possibilità di volare alto nel cielo, di evadere e fuggire via in un mondo che è solo poesia.

E’ quasi riduttivo chiamare questo brano col nome di canzone: esso è, piuttosto, una lirica, una poesia lirica.

Senza osare troppo potremmo tranquillamente inserirla nella tradizione della lirica greca, per significato, costruzione, semantica e finalità espressive.

Nonostante le varie differenziazioni che la poesia lirica ha subito nel tempo all’interno di una stessa cultura (greca, latina e cinese) e le diversità tra le varie culture (scelte metriche, stilistiche, semantiche), la sintassi è rimasta pressoché immutata passando anche attraverso la poesia dei Trovatori nel medioevo e arrivando al Romanticismo in età moderna.

Sulla scia di questo importante retroterra storico e culturale, le voci di Gio e Luca si inseriscono, seppur per caratteristiche diverse, in maniera naturale, quasi fossero nate per questo e si incastrano magistralmente.

Di Luca si nota subito l’impostazione da “opera”: lo studio, la tecnica, l’apertura, il fiato, tutto si percepisce unito in una sola cosa, insieme alla passione per il canto che nasce dal testo, ma anche esce fuori dallo stesso e lo trascende.

Non è solo la voce che canta l’amore, ma, direi soprattutto, è l’amore per il canto che canta se stesso.

La canzone è un inno d’amore per il canto, come ciò che libera, aiuta e salva. Il canto come ciò che dà senso alla vita e ci permette di volare alti, liberi.

Chi ama cantare, chi ha fatto del canto la sua vita, cerca e trova in esso tutta la sua vita, si affida ad esso ogni istante, trovando senso alla propria vita in esso, dando un senso al riso e al pianto.

Mentre la vita scorre, con le gioie e le difficoltà, il canto è sempre lì pronto a difendere, a donare un rifugio alla mente e al cuore, ma anche disponibile a ricevere la gioia che sgorga dall’animo umano.

Il canto, manifestazione naturale di ogni espressione intima umana: note e poesia si fondono nel canto che libero, senza vincoli, legami e incosciente, spontaneo vola nel mondo tra la gente arrivando a toccare il cuore e la mente degli uomini.

Il canto è per tutti, dona speranza ai disillusi, gioia a chi ne ha bisogno; il canto è anche danza; canto se rido, canto se piango.

Ascolto questa canzone e penso all’Opera, non si può non avvertire una matrice diversa dalla musica leggera, un linguaggio musicale e verbale di stampo diverso.

Eppure, come già nei due pezzi precedenti, c’è sempre apertura, sempre un andare verso la possibilità, un aprirsi al mondo, un grande amore e un grande ottimismo.

La scrittura di Gio è sempre aperta in avanti, sempre proiettata alla possibilità dell’essere di essere se stesso, ma anche altro.

Anche la voce di Gio, in questo pezzo forse più graffiante che nei due precedenti (io personalmente adoro questo graffio così naturale) dà enfasi al messaggio trasmesso, che non è gridato, ma è comunque lanciato forte come quando lanci un sasso nell’acqua più forte che puoi per farlo arrivare il più lontano possibile.

Si avverte il desiderio di far arrivare, insieme alla propria voce, anche il proprio canto e i contenuti che esso incarna, di trasmettere a chi ascolta i propri sentimenti con la stessa immediatezza e trasparenza con cui vengono vissuti, con sincerità, senza filtri e sovrastrutture.

Link per acquistare–> https://itunes.apple.com/it/album/canto/id878565954?i=878565963
Link per ascoltarlo–> https://www.youtube.com/watch?v=JzjTw87l6mgg

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon