GIU22_KARMAB_GAY VILLAGE_RID

                                                                                                               GAY VILLAGE 2017 – XVI Edizione

Dall’8 Giugno al 9 Settembre 2017. Aperto dal Giovedì al Sabato, dalle ore 19

Ingresso Gratuito dalle 19 alle 21. Prezzi: Giov.10€/Ven.13€/Sab.20€ (Drink incluso)

Roma Eur – Parco del Ninfeo, in Via delle Tre Fontane, ang. Viale dell’Agricoltura

InfoLine +39 350 0723346 – www.gayvillage.it

 

 

Giovedì 22 Giugno 2017

Amarganta Floor – h. 21.00

GAY VILLAGE FANTÀSIA

presenta

 

A QUALCUNO PIACE KARMA

Di e con i KARMA B.

Con la partecipazione di Francesco Rosanò e Consuelo Gloriani

 

Giovedì 22 Giugno, i Karma B. tornano al Gay Village in una veste insolita per presentare lo spettacolo musicale, A qualcuno piace Karma, liberamente ispirato al famoso film A qualcuno piace caldo, nel quale i due attori protagonisti Tony Curtis e Jack Lemmon, si esibivano “en travestì” in un’orchestrina jazz.

Anche in questa occasione il duo di drag queen più famoso in Europa, porterà i suoi ingredienti preferiti, estro, creatività ed ironia, per eseguire in chiave swing canzoni italiane dagli anni 50’ fino agli intramontabili successi degli anni 80’/90’, accompagnati da musicisti live e da due coristi d’eccezione come Francesco Rosanò e Consuelo Gloriani .

Da Fred Buscaglione a Luttazzi, dal Gruppo Italiano ai Matia Bazar, fino a una inedita Raffaella Carrà, ogni canzone avrà un arrangiamento diverso e una particolare messa in scena, mentre i costumi di scena prenderanno la forma di vere e proprie installazioni, per dare vita e movimento al racconto del brano musicale proposto. Con lo spettacolo A qualcuno piace Karma i due protagonisti promettono allo spettatore un’esperienza speciale, fatta di ricordi, racconti, video, gag e naturalmente musica!

 

BIO di Carmelo e Mauro, in arte Karma B.

Quarant’anni ciascuno, catanese l’uno ed ennese l’altro, lavorano insieme dal 1995, prima in Sicilia e poi a Roma, con incursioni nella scena notturna internazionale. Drag queen? Performer? Direttori artistici? Cantanti? Animatori? È difficile trovare un’etichetta capace di sintetizzare il variegato bagaglio di esperienze – umane prima che artistiche – che i Karma B hanno collezionato in vent’anni di ricerche, sperimentazioni, travestimenti e plastiche visioni. “Non ci siamo mai definiti drag queen, ma ci siamo ritrovati a esserlo”, spiegano. “È stato un percorso di crescita, che ci ha portato a essere di volta in volta quello che ci serviva essere, non dandoci in partenza un’identità rispetto a una definizione”. Dopo un esordio come ballerini e un percorso come animatori da discoteca, arriva la trasformazione, quasi una fioritura. Il punto di arrivo, per ora, di un percorso pieno di emozioni e di sorprese. “Ora ci possiamo definire drag queen nel senso più completo del termine. Possiamo spaziare in tutte le sfaccettature del termine, dalla discoteca al teatro, dal lavoro sul corpo al canto”.

 

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon