Giuseppe Zeno

51° FESTIVAL BORGIO VEREZZI

(8 luglio – 24 agosto)

 

“La vedova scaltra” di Goldoni in prima nazionale

Protagonisti Francesca Inaudi e Giuseppe Zeno

Francesca Inaudi

Giuseppe Zeno 

COMUNICATO STAMPA

 

Rosaura, una giovane e ricca vedova veneziana, corteggiata assiduamente da quattro pretendenti di nazionalità diverse (l’inglese Milord Runebif, il francese Monsieur Le Bleau, lo spagnolo Don Alvaro di Castiglia e l’italiano Conte di Bosco Nero), ne saggia le reali intenzioni con uno stratagemma, prima di fare la sua scelta: è in estrema sintesi, la trama de “La vedova scaltra”, di Carlo Goldoni, che dal 13 al 15 luglio sarà presentata in “prima nazionale” al Festival di Borgio Verezzi, brillantemente aperto dall’anteprima di “Le bal”, con il pubblico scatenato alla fine della rappresentazione nel ballare il twist in piazza Sant’Agostino, insieme agli attori e le attrici della compagnia diretta da Giancarlo Fares.

Della divertente commedia, saranno protagonisti due “new entry” del Festival: Francesca Inaudi e Giuseppe Zeno, star televisive reduci da fortunate e popolari fiction come Tutti pazzi per amore e Una pallottola nel cuore (Inaudi), Il Paradiso della signore e Baciato dal sole (Zeno), ma entrambi con solida formazione teatrale. Accanto a loro, ritornano Massimiliano Giovanetti, Claudia Ferri e Renato Cortesi, tutte “vecchie conoscenze” di Borgio Verezzi, come il brillante regista, Gianluca Guidi, al suo debutto nella direzione di un classico goldoniano: “Una nuova sfida professionale, accettata volentieri anche perché quando ero un bambino, mia madre Lauretta Masiero l’aveva interpretata per lo Stabile di Padova”. In scena anche Claudia Ferri, Riccardo Bocci, Matteo Guma, Alessandra Cosimato e Andrea Coppone.

Questo testo (che sarà scandito dalle musiche composte da Massimiliano Gagliardi, uno dei figli d’arte di questo spettacolo, come Fabio Ferrari e lo stesso Guidi) riveste un certo valore storico, “poiché rappresenta il punto di passaggio tra la commedia dell’arte, basata sull’improvvisazione, e la commedia di carattere; introduce alcune innovazioni e anticipa i temi della donna fiera e corteggiata che torneranno nella Locandiera”. È la terza commedia di carattere, dopo La donna di garbo del 1743, e L’uomo prudente di poco successivo, ed è quella con la quale si affermò la riforma del teatro goldoniano. Dei temi vicini alla commedia dell’arte ripete alcuni spunti tematici, come quello di Arlecchino servitore di due padroni, che nel suo ruolo di ambasciatore e postino fa confusione sia tra i signori che deve servire, sia tra i destinatari dei vari messaggi che è incaricato di trasmettere.

Prenotazione e vendita biglietti alla biglietteria di viale Colombo 47 a Borgio (orario 10.30-13 e 16.30-18.30 anche di domenica) e nelle sere di spettacolo, anche al botteghino in piazza Gramsci  a Verezzi, dalle ore 20.30. I prezzi: primo settore (file dalla A alla M): interi 27 euro, ridotti 25 (over 65/under 25); secondo settore (file dalla N alla Y): interi 25, ridotti 23 (over 65/under 25); ridottissimo 15 (ragazzi fino a 11 anni); muretti 23, senza distinzione di settore. È possibile anche pagare online con carta di credito, o con bonifico bancario (info sul sito www.festivalverezzi.it). Bus navetta dal piazzale del teatro Gassman (costo: un euro a tratta) con partenza alle 19.15-19.45-20.10-20.30,  e ritorno dal parcheggio di piazza Gramsci (prima corsa 10 minuti dopo il termine dello spettacolo; tre corse a seguire a circa 20 minuti una dall’altra).

 

51° FESTIVAL BORGIO VEREZZI

PROGRAMMA COMPLETO

(8 luglio-24 agosto)

sabato 8 luglio

Le bal (L’Italia balla dal 1940 al 2001) di Jean-Claude Penchenat

Regia: Giancarlo Fares

Il potere dell’espressione corporea. Ispirato al film “Ballando ballando” di Ettore Scola, con sedici attori-ballerini Under 35 che raccontano con i gesti, la danza e le canzoni oltre mezzo secolo del nostro Paese.

Produzione: Alessandro Longobardi per Viola Produzioni

Anteprima in ospitalità

giovedì 13-venerdì 14-domenica 15 luglio

La vedova scaltra di Carlo Goldoni

Regia: Gianluca Guidi

Con Francesca Inaudi e Giuseppe Zeno

Il potere della seduzione. Una commedia classica per l’apertura ufficiale del Festival: una giovane e ricca vedova veneziana, corteggiata assiduamente da quattro pretendenti di nazionalità diverse (inglese, francese, spagnolo e italiano), ne saggia le reali intenzioni con uno stratagemma.

Produzione: Ginevra – Media Production Srl

Prima nazionale

lunedì 17 luglio

Cosa hai fatto quando siamo rimasti al buio? di Claude Magnier

regia: Giorgio Caprile

Con Miriam Mesturino, Alessandro Marrapodi e Giorgio Caprile

Il potere degli equivoci. Da questa commedia è stato tratto il film con Doris Day. Trascurata dal marito Robert, troppo assorbito dagli affari, Jacqueline è nervosa e per dormire prende un sonnifero. Si addormenta profondamente e non si accorge che accanto a lei c’è un altro uomo. Al rientro il marito trova i due a letto assieme. Lo sconosciuto è Claude, affascinante seduttore, che con il suo charme riesce a conquistare la donna. Ma tra i due uomini nasce una reciproca simpatia…

Produzione: Sipario SMC Alassio

Prima nazionale

 

 

giovedì 20, venerdì 21, sabato 22 luglio

Un borghese piccolo piccolo, di Vincenzo Cerami

Adattamento teatrale e regia: Fabrizio Coniglio

Con Massimo Dapporto, Susanna Marcomeni, Roberto D’Alessandro, Fabrizio Coniglio, Federico Rubino.

Il potere dell’amor paterno. Primo omaggio alla memoria di Cerami, racconta la drammatica vicenda di un impiegato ministeriale, che fa di tutto per lasciare il suo posto al figlio. ma il giorno del concorso il ragazzo è accidentalmente ucciso da un rapinatore. Celebre il film di Monicelli con Alberto Sordi protagonista.

Produzione: Teatro&Società Roma

Prima nazionale

giovedì 27-venerdì 28-sabato 29-domenica 30 luglio

Non mi hai più detto ti amo di Gabriele Pignotta

Regia: Gabriele Pignotta

Con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia

Il potere della famiglia. Storia di una famiglia italiana contemporanea: costretta ad affrontare un cambiamento traumatico improvviso, alla fine di un percorso umano difficile e intenso, si ritroverà del tutto trasformata e forse più preparata a sopravvivere.

Produzione: Milleluci Enterteinment

Prima nazionale

mercoledì 2-giovedì 3-venerdì 4 agosto

Queste pazze donne di Gabriel Barylli

Regia: Stefano Artissunch

con Paola Quattrini, Vanessa Gravina e Emanuela Grimalda

Il potere dei sentimenti. Tre donne sole, con storie affettive molto diverse, sono costrette a passare insieme le notti di Natale e di Capodanno. E dalle loro confessioni, tra commedia, melodramma e venature vagamente gialle, emergono storie di amori negati o vissuti, intrecci, gelosie, figli segreti, case e vestiti sgargianti, in un colorito mondo di sentimenti e nevrosi femminili alla Almodovar. Commedia di grande successo in Austria e Germania.

Produzione: Synergie Arte Teatro-Teatro degli Incamminati Brescia

Prima nazionale

domenica 6 agosto

Vivo in una giungla, dormo sulle spine di Laura Sicignano in collaborazione con Shahzeb Iqbal

Regia: Laura Sicignano

Con Amanda Sandrelli, Luca Giordana e Alessio Zirulia

Il potere della solidarietà. Testo nato nell’ambito di un progetto del Teatro Cargo di Genova con il coinvolgimento di un gruppo di profughi: un minorenne, giunto in Italia dal Pakistan dopo un avventuroso viaggio, è accolto in una comunità e affidato a un’avvocatessa tutrice, ma si protegge da un ambiente nuovo e ostile, nascondendosi dietro una fitta rete di bugie.

Prima nazionale

produzione: Teatro Cargo Genova-Teatro delle Donne Centro Nazionale di Drammaturgia

mercoledì 9-giovedì 10-venerdì 11 agosto

Sabbie mobili, di Benvenuti, Aicardi, Formicola, Pistarino

Regia: Alessandro Benvenuti

Con Roberto Ciufoli, Gaspare e Max Pisu

Il potere dell’amicizia. Portato in scena molti anni fa da Zuzzurro e Gaspare, viene ripreso adesso nel ricordo di Andrea Brambilla. Due comici vicini alla rottura per questioni caratteriali, precipitano con l’aereo in un deserto metafisico dove si imbattono in un gigantesco cactus dal quale esce uno strano personaggio che, con vari espedienti, riesce a farli rappacificare.

Produzione: aArtisti Associati di Gorizia

Prima nazionale

Grotte di Valdemino, giovedì 17-venerdì 18-sabato 19-domenica 20 agosto

Inferno di Dante

Regia: Silvio Eiraldi

Con la Compagnia Teatrale Uno Sguardo Dal Palcoscenico di Cairo M.

Il potere della poesia. Spettacolo itinerante all’interno delle Grotte di Borgio Verezzi, lungo un suggestivo percorso tra le varie sale, nel quale gli spettatori, a gruppi, incontrano i vari personaggi della Divina Commedia. Evento speciale

martedì 22-mercoledì 23-giovedì 24 agosto

La cena delle belve, di Vahè Katchà

Regia: Julien Sibre e Virginia Acqua

Con Gianluca Ramazzotti, Francesco Bonomo,Milena Miconi, Emanuele Salce, Maurizio Donadoni, Giancarlo Ratti, Silvia Siravo, Ralph Palka

Il potere dell’ipocrisia. Secondo omaggio a Cerami, che ne aveva curato traduzione e adattamento teatrale con Julien Sibre, lo spettacolo ha vinto il Premio Molière ed è stato un successo parigino. Durante la guerra, un gruppo di amici festeggia in allegria il compleanno di uno di loro. Ma un improvviso episodio drammatico cambia l’andamento della piacevole  serata e così quelli che erano amici diventano belve…

Produzione Ginevra – Media Production srl e Teatro Stabile Marche

Prima nazionale

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon