foto 1

TEATRO TRASTEVERE

Avviso ai Soci

L’ Associazione Culturale Teatro Trastevere

COMUNICATO STAMPA

in collaborazione con Le Chat noir

presenta

Shakespeare in wine

#aperitivoconspettacolo

un format di Annabella Calabrese

PRIMO APPUNTAMENTO 3 novembre ore 20.30

 Shakespeare 3 novembre

Cosa accadrebbe se i personaggi nati dalla penna di William Shakespeare

prendessero all’improvviso vita attorno a te?

Come potrebbe essere sorseggiare un buon vino in presenza della dolce Giulietta,

del severo Prospero o delle amiche/nemiche Ermia ed Elena?

Riusciresti a mantenere la calma davanti all’ira del valoroso Tebaldo?

 

LO SPETTACOLO

Non tutti sanno che all’epoca di William Shakespeare la concezione del Teatro era decisamente diversa rispetto a quella dei giorni nostri e che, invece, fosse più una sorta di luogo di ritrovo dove ci si godeva lo spettacolo, bevendo, mangiando e chiacchierando con il proprio vicino.

Il format Shakespeare in wine, ideato dall’attrice e regista Annabella Calabrese e portato in scena dalla Compagnia Le Chat Noir, nasce proprio dalla volontà di riportare ai giorni nostri l’atmosfera dell’epoca, coniugando la rappresentazione di diverse scene shakespeariane, riadattate e rivisitate in chiave moderna, con il momento dell’aperitivo, il tutto all’interno del caratteristico e scenografico Teatro Trastevere, situato nell’omonimo celebre quartiere.

Ed è così che gli spettatori potranno sorseggiare un buon bicchiere di vino all’interno del Teatro, mentre gli attori si muoveranno improvvisando attorno a loro. Lo scopo è quello di far arrivare allo spettatore di oggi la poesia e le emozioni del grande teatro di ieri, invitandolo a divenire parte attiva all’interno delle scene che si svolgono attorno a lui. È così che i personaggi prendono improvvisamente vita e si muovono e agiscono in un contesto ibrido, che ha un’atmosfera magica, a metà tra quella di un Teatro e quella di un Wine Bar.

Lo spettacolo è diviso in due parti: una dedicata all’improvvisazione, che si svolge mentre il pubblico può bere un bicchiere di vino, nella quale i personaggi interagiscono in maniera diretta con gli spettatori, e una dedicata alla messa in scena vera e propria, nella quale gli attori interpretano scene alternate tratte da varie opere di Shakespeare e legate tra loro da temi comuni come la magia, l’amore o la corruzione. La messa in scena è estremamente moderna e interattiva e le azioni non si svolgono sul palco ma in mezzo alla platea.

Si comincia, dunque, il 3 Novembre alle 20.30 con “Shakespeare in wine – Tra Magia e Stregoneria” dove a muoversi tra il pubblico saranno streghe, fatine e mostri, interpretando scene tratte da “Macbeth”, “Sogno di una notte di mezza estate” e “La Tempesta”.

L’ideazione e la regia di ciascuna serata è a cura di Annabella Calabrese, ideatrice del format, nonché interprete al Cinema del recente successo con Diego Abatantuono e Massimo Ghini “Un nemico che ti vuole bene” (regia di Denis Rabaglia). Con lei, sulla scena, Giovanna Cappuccio, Massimiliano Costa Cipullo, Leonardo D’angelo, Roberto Giannuzzi, Chiara Laureti, Roberto Luigi Mauri, Andrea Standardi e le giovanissime Elisa Angelelli e Martina Ricozzi.

Noi altro non v’offriamo che un sogno.

Della vostra indulgenza abbiamo bisogno”

  1. Shakespeare

 

IL PROGETTO

Shakespeare in Wine è un format teatrale nato nel 2011 da un idea di Annabella Calabrese con l’intento di riavvicinare il grande pubblico ai classici di William Shakespeare. Il fomat raccoglie diverse scene shakespeariane tradotte, riadattate e rivisitate in chiave moderna e rappresentate all’interno di spazi non convenzionali, come può essere un wine bar, contestualmente al momento dell’aperitivo. L’obbiettivo con il quale è stato creato il format è quello di trovare un compromesso tra teatro classico e innovazione, cercando di ricreare un’atmosfera analoga a quella del tempo del Bardo, dove al pubblico era permesso di mangiare e bere a Teatro.  Lo scopo è quello di far arrivare allo spettatore di oggi la poesia e le emozioni del grande teatro di ieri, invitandolo a divenire parte attiva all’interno delle scene che si svolgono attorno a lui. È così che i personaggi prendono improvvisamente vita e si muovono e agiscono in un contesto contemporaneo. Lo spettacolo è, dunque, diviso in due parti: una dedicata all’improvvisazione, che si svolge tra il pubblico durante l’aperitivo o prima della cena, nella quale ciascun attore si muove ed interagisce a soggetto interpretando il proprio personaggio, e una dedicata alla messa in scena vera e propria, nella quale gli attori interpretano svariate scene alternate tratte dall’opera di Shakespeare. Ogni rappresentazione, infatti, raccoglie scene raggruppate per diverse tematiche quali Amore, Magia, Corruzione, etc. che ripercorrono le fasi salienti di tre opere a spettacolo. Ed è così, dunque, che la versione di Shakespeare in Wine dedicata all’amore raccoglie, per esempio, le scene salienti di “Romeo e Giulietta”, “La Dodicesima Notte” e “La Bisbetica Domata”, intrecciate tra loro con un montaggio alternato molto simile a quello utilizzato nel Cinema.  Il lavoro di traduzione e adattamento del testo è messo in atto cercando da una parte di conservare la poesia delle opere del Bardo, ma al tempo stesso di aiutare lo spettatore ad immedesimarsi nelle scene grazie ad una traduzione più moderna.

 

L’ambientazione delle scene, inoltre, anche dal punto di vista dei costumi, si ricollega a diversi periodi del ventesimo secolo in una qualche maniera analoghi a quelli del testo originale. L’allestimento, dunque, è moderno ma fedele allo spirito dell’originale. Tra le motivazioni principali che hanno portato alla nascita del progetto, infatti, c’è il desiderio di colmare il divario tra attori e spettatori creato dalla maggior parte delle rappresentazioni Shakespeariane in Italia, laddove si è perso spesso e volentieri lo spirito “Pulp” dell’autore, che al contrario tratta all’interno delle sue opere argomenti estremamente popolari e attuali anche a diversi secoli di distanza.

 

Con Shekespeare in wine al Teatro Trastevere, via Jacopa de’ Settesoli 3, il primo appuntamento è domenica 3 novembre 2019 ore 20.30.

 

Teatro Trastevere

via Jacopa de’Settesoli 3, 00153 Roma

prevista tessera associativa

contatti: 065814004 info@teatrotrastevere.it

www.teatrotrastevere.it #ilpostodelleidee

https://www.facebook.com/teatrotrastevere/# https://twitter.com/teatrotrast

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon