ANSELMO E GRETA

Liberamente ispirato alla fiaba dei fratelli Grimm

Una produzione DYNAMIS e TSI La Fabbrica dellAttore

– 11  12 giugno 2015

Fringe Festival Roma

Parco Adriano, Giardini di Castel Sant’Angelo

Martedì 9 giugno ore 23.30

Giovedì 11 giugno ore 22.00

Venerdì 12 giugno ore 20.30

 

Dopo l’esordio al Teatro Vascello, che insieme al collettivo teatrale Dynamis ne cura anche la produzione, ANSELMO E GRETA, spettacolo per adulti e bambini dai 6 anni in su, approda al Fringe Festival 2015. Lo spettacolo sarà in scena al Parco Adriano, Giardini di Castel Sant’Angelo – palco A, martedì 9 giugno alle ore 23.30, giovedì 11 giugno alle ore 22 e venerdì 12 giugno alle ore 20.30.

La compagnia conferma la ricerca sui nuovi linguaggi, e porta in scena uno spettacolo liberamente ispirato ad una delle fiabe più celebri dei fratelli Grimm. Hansel e Gretel è un pretesto per raccontare un’ipotesi altra, un mondo capovolto: in scena gli attori si dichiarano come tali, ancora non personaggi, pronti ad interpretare la storia e a rovesciarla.

NOTE REGIA

Anselmo e Greta” si struttura come fiaba dell’inconscio, dove non ci sono i cattivi tradizionali così come i buoni, dove tutto è rovesciato, contaminato. Il racconto è attraversato da parossistiche condizioni familiari, i protagonisti indossano i vestiti della festa intrappolati nelle dinamiche quotidiane sistematiche e ripetitive. Intravediamo i loro condizionamenti, le rabbie, le timidezze, le paure laddove gli adulti sono sempre più marginali, piano piano assenti.

Poi la perdita nel bosco, un bosco ideale, di paure, di isolamento, di ricongiungimenti e di abbandoni, nel buio suoni di un’eco lontana, spicchi di luce da una discarica. È qui che si intravede, per Anselmo e sua sorella Greta, una nuova possibilità, la loro emancipazione, attraverso un incontro sorprendente.

Lo spettacolo è già andato in scena a gennaio 2015 al Teatro Vascello.

Alcuni stralci di rassegna stampa:

Della favola originaria rimangono alcune tracce: la madre morta – che in questa versione ha il compito di narratore – un padre risposato, un figlio abbandonato nel bosco. Diversamente da quella però, Anselmo e Greta sono i figli della seconda moglie, manipolatrice lei, viziati loro. I personaggi diventano simboli di un disagio attuale, intrappolati in un linguaggio che parla per emoticon, che conosce laffetto dei genitori più attraverso gli effetti di post produzione di una foto che per leffettiva presenza – in scena ridotta a meccanica reiterata. Lenergia ben canalizzata dei sei attori – non solo a servizio dellimmagine e del dispendio fisico – permette allo spettacolo di relazionarsi criticamente non tanto con la favola, quanto soprattutto con una condizione che pervade gran parte della fascia giovanile per la quale spesso la compagnia ha condotto laboratori di formazione. Figli del consumismo e del palinsesto televisivo, sommersi da innumerevoli attività pomeridiane che hanno il sapore di una pubblicità imparata a memoria, eccoli i figli di una generazione 2.0. – Viviana Raciti, Teatro e Critica

Il giudizio sullultimo lavoro dei Dynamis non può che essere positivo e incoraggiante. La comunicazione digitale e social, ampiamente usata dal gruppo nei laboratori e per lanciare sfide e call sulla rete, non regge la scena, rivelando la sua natura intrinseca sostanzialmente acritica e neutra. Invece il lavoro nel suo complesso non è neutro, non lascia indifferenti: Anselmo e Greta è una piccola favola urticante che fa riflettere e specchiare i suoi giovani e giovanissimi destinatari. – Nicola Villa, Gli Asini

Tra grappoli di palline colorate che piovono addosso, praline di cereali sparse ovunque, carrelli della spesa che sfrecciano sul palco e la musica irresistibile di Cacao meravigliao, Anselmo e Greta, liberamente ispirato a Hansel e Gretel, la celeberrima fiaba dei fratelli Grimm, è uno spettacolo straordinario. Perché è scritto con penna felice, è pieno di trovate interessanti, e soprattutto è recitato benissimo da Ilaria Bevere, Concetto Calafiore, Filippo Lilli, Dalila Rosa, Francesco Turbanti e Marta Vitalini.- Gabriele Ottaviani, Convenzionali

Anselmo e Greta rovescia la storia di Grimm, fa sfumare i confini canonici tra buoni e cattivi, esplora le dinamiche della nostra società in modo sintetico, ironico e accattivante, facendone uno spettacolo piacevole per i bambini, ma soprattutto una brillante riflessione per i grandi. – Sarah Curati, Paperstreet

Ci sono spettacoli pensati per ragazzi talmente ben fatti da lasciare spiazzati persino gli adulti. Anche quando il punto di partenza rappresenta programmaticamente unopera per i più giovani, come le fiabe dei fratelli Grimm tramandate di padre in figlio da generazioni ormai, la loro trasposizione in chiave contemporanea non permette al tempo di farle allontanare come una galassia da noi. Così, la fiaba di Hansel e Gretel, per loccasione “Anselmo e Greta, portata sul palcoscenico del Teatro Vascello di Roma lo scorso week end dalla giovane compagnia Dynamis, ha vivificato lassunto secondo il quale i miti che ci trasciniamo dal passato hanno sempre qualcosa di nuovo da insegnarci. – Renata Savo, Scene Contemporanee

Ufficio Stampa Dynamis

Marta Scandorza – F/M PRESS

marta@fmpress.net

Tel.3464928633

Web:

www.dynamisteatro.it

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon