a-tempo-di-scimmia_24-nov-11dic_teatro-studio-uno_residenza_banner

Compagnia Dodes’ka-den

presenta

A TEMPO DI SCIMMIA

Di Marco Bilanzone

con Claudia Salvatore e Mersia Valente

regia Marco BilanzoneFrancesca Romana Nascè, Lisa Rosamilia

Musiche sonorizzazioni Daniele Casolino
Scenografie costumi Lisa Rosamilia

Residenza Artistica 2016-17

 Dal 24 novembre all’11 dicembre 2016

Teatro Studio uno via Carlo della Rocca, 6  Roma

 a-tempo-di-scimmia_24-nov-11dic_teatro-studio-uno_residenza_loc

Al Teatro Studio Uno debutta dal 24 novembre all’11 dicembre la Compagnia Dodes’ka-den con lo spettacolo “A tempo di scimmia”, una prima assoluta che inaugura il nuovo anno di Residenze Artistiche del Teatro Studio Uno con un testo originale scritto da Marco Bilanzone. In scena Claudia Salvatore e Mersia Valente dirette da Marco BilanzoneFrancesca Romana Nascè e Lisa Rosamilia, quest’ultima anche alle scenografie e costumi, con musiche e sonorizzazioni firmate da Daniele Casolino.

“A Tempo di Scimmia” è un’indagine sulla nostra natura, sullo spaesamento, sull’equilibrio, di per se già precario, che cerchiamo faticosamente di trovare in uno spazio in cui le emozioni sembrano essere l’unico modo per sentire la vita, non trovando noi il tempo, il respiro per viverle, farle sedimentare, trasformarle in solide radici. Lo sguardo con cui ci si avvicina a questo nucleo è un occhio curioso, indagatore, ironico e grottesco.

In una giungla senza sentieri e senza luce, non esistono più emozioni a piede libero, ogni stato d’animo è braccato, compreso e compresso in pillole monouso. Una donna divisa in due ombre, è alla ricerca della propria identità attraverso lo stimolo delle emozioni, che si procura artificialmente ingerendone in dosi controllate. In questa giungla le due ombre rimangono imbrigliate nel falso valore identitario di emozioni che non le descrivono, ma che servono solo a mantenerle in vita. Insieme si sorreggono per evitare di crollare nell’atarassìa, dove l’assenza di emozioni è anche l’assenza di sé, in un disperato equilibrio tra l’abuso e l’abbandono, in conflitto non solo col vuoto, l’anestesia e il sonno, ma a anche con l’emotività bulimica.

Il tempo della scimmia è il tempo della follia, un tempo fuori tempo. La scimmia è la dipendenza di una vita carica di bisogni emozionali. “Quanto ci mette a formarsi un’emozione?”, chiede la protagonista, “Come si lega una emozione che monta a quella che sta morendo? Si toccano?”. In quell’infinitesimale spazio fra l’emozione che monta e quella che sta morendo, batte il tempo della scimmia.

 

“A tempo di scimmia” dal 24 novembre all’11 dicembre 2016 | Sala Specchi

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 10 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00

PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1

 

Per info: 3494356219- 3298027943

www.teatrostudiouno.cominfo.teatrostudiouno@gmail.com

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon